. .

La vita fragile: "Acqua e suolo: bene comune o territorio di conflitto?"

13 aprile 2012

"Dall'acqua la vita" [Talete]. Eppure anche questo bene essenziale si sta trasformando in una risorsa strategica e vitale per gli stati, tanto da essere universalmente riconosciuto come " oro blu". Questo potrà provocare conflitti territoriali sempre più aspri e condurre a rovinose battaglie economiche, industriali e commerciali. La domanda di acqua a livello globale aumenta inesorabilmente, soprattutto per la produzione di cibo, mentre i cambiamenti climatici ne riducono la disponibilità. La cementificazione e l'industrializzazione che accompagnano lo sviluppo economico e la conseguente urbanizzazione, se non pianificate e gestite in un rapporto armonico con la natura, determinano inquinamento atmosferico, danni irreparabili al territorio e sempre più spesso perdite di vite umane. Acqua e suolo, due beni fondamentali a cui è legata la nostra sopravvivenza: come salvaguardarli dagli interessi economici dei singoli stati, dalle speculazioni, dalle leggi del profitto? Cosa fare per destinarli alla soddisfazione del bisogno di tutta l'Umanità?

Damiano Di Simine, Presidente di Legambiente Lombardia, affronterà questa importante tematica, in veste di ospite d'onore del quarto incontro del ciclo "La vita fragile". I cinque appuntamenti, affrontati da esperti del settore, si terranno a cadenza mensile, fino a maggio 2012.