. .

La vita fragile: "Il Mondo in movimento. La grande storia della diversità umana"

7 gennaio 2012

In questo incontro verrà affrontato scientificamente il processo evolutivo della specie umana come storia di adattamenti successivi: adattamenti biologici, messi in opera dalla natura stessa attraverso meccanismi di mutazione e selezione naturale e adattamenti culturali, attuati dall'individuo di propria iniziativa, attraverso strumenti di comunicazione che sono essenzialmente il linguaggio e la migrazione. Verrà spiegata l'inconsistenza delle teorie razziali relative alla specie umana, come frutto di pura astrazione, derivante da una cattiva interpretazione di piccole differenze fisiche fra persone che portano a vedere suddivisioni in gruppi ben distinti, a realizzare classificazioni in gruppi di "migliori" e "peggiori" e quindi a sviluppare ideologie che fomentano l'intolleranza per il ‘diverso' fino alla discriminazione ed al fanatismo razzista. Al contrario le migrazioni umane, che avvengono quasi sempre non per libera scelta ma per dolorosa necessità, realizzano di fatto un arricchimento non solo biologico ma anche culturale in quando mettono a confronto e combinano le conoscenze reciproche dei molteplici raggruppamenti umani che popolano la terra.